CORSO ARCHITETTURA

Roma. Architettura e urbanistica tra XX e XXI secolo

Fondazione Universitaria INUIT Tor Vergata > MAXXI > Roma. Architettura e urbanistica tra XX e XXI secolo
Course ID
CR01-20
Costo
€ 130
Lezioni
Online
Ore
18
Scadenza
11/05/2020
Partecipanti
min 70 max 150

MAXXI in collaborazione con Fondazione Universitaria INUIT-Tor Vergata e Upter. 
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione

Obiettivi

Il corso vuole offrire uno sguardo storico e critico sulle trasformazioni a scala urbana e architettonica nella città tra XX e XXI secolo.

Docenti storici dell’architettura, critici e progettisti si alterneranno per costruire una lettura completa e complessa di come siano avvenute le grandi trasformazioni della città da inizio ‘900.

Ogni lezione è costruita con una prima parte introduttiva e generale che restituisce una struttura storico – critica entro cui analizzare le trasformazioni urbanistiche e gli interventi architettonici di quel periodo.

A seguire per ogni fase storica vi sono due “affondi” puntuali su interventi urbanistici e architettonici in particolare, che permettono anche riflessioni legate al tema della memoria, dello spazio pubblico, dell’abitare e dell’innovazione tecnologica e costruttiva.

Calendario del corso
  • Roma Capitale i grandi interventi tra fine ‘800 ed inizio ‘900Giovedì 21 maggio
    17.00 – 17.45 Introduzione Elena Tinacci | Fondazione MAXXI
    18.00 – 18.45 Esposizione Internazionale di Belle Arti a Roma nel 1911 Giorgio Ciucci | Università Roma Tre
    19.00 – 19.45 La borgata giardino Garbatella Francesca Romana Stabile | Università Roma Tre
  • Architettura a Roma durante il ventennio fascistaVenerdì 22 maggio
    17.00 – 17.45 Introduzione Roberto Dulio | Politecnico di Milano
    18.00 – 18.45 Marcello Piacentini e la Città Universitaria di Roma Roberto Dulio | Politecnico di Milano
    19.00 – 19.45 EUR. Architettura e costruzione Rosalia Vittorini | Università Tor Vergata
  • Architettura a Roma nel dopoguerraSabato 23 maggio
    17.00 – 17.45 Introduzione Piero Ostilio Rossi | Sapienza Università di Roma
    18.00 – 18.45 Un monumento alle Fosse Ardeatine, il primo concorso di architettura del dopoguerra Francesca Castelli | Sapienza Università di Roma
    19.00 – 19.45 Quartiere Ina Casa – Tuscolano e Tiburtino Margherita Guccione | Fondazione Maxxi
  • Roma negli anni ‘60Giovedì 28 maggio
    17.00 – 17.45 Introduzione Piero Ostilio Rossi | Sapienza Università di Roma
    18.00 – 18.45 Ingegneria e architettura per le Olimpiadi di Roma '60 Tullia Iori | Università di Tor Vergata
    19.00 – 19.45 La palazzina Marzia Marandola | Sapienza Università di Roma
  • Roma negli anni ‘70 e '80Venerdì 29 maggio
    17.00 – 17.45 Introduzione Franco Purini
    18.00 – 18.45 Progetti per l’abitare e Corviale Luca Galofaro | Unicam
    19.00 – 19.45 La Moschea di Roma | Paolo Portoghesi*
    *intervento pre-registrato
  • Architetture della Roma ContemporaneaSabato 30 maggio
    17.00 – 17.45 Introduzione Pippo Ciorra | Fondazione MAXXI
    18.00 – 18.45 Auditorium, MAXXI, Progetto Flaminio Gabriele Mastrigli | Unicam
    19.00 – 19.45 Labics - La Città del Sole  Laura Calderoni | Coordinatrice programma Open House Roma

 

Quando Dove Inizio Lezioni Fine Lezione
21-22-23 Maggio Video Lezione Online  17.00 20.00
28-29-30 Maggio Video Lezione Online  17.00 20.00
Docenti
  • Laura CalderoniArchitetto, PhD  in Architettura Teorie e Progetto. Attualmente si occupa di sviluppo di progetti culturali per la valorizzazione dell'architettura. Dal 2013 è socia di Open City Roma ed è responsabile del programma di Open House Roma, festival internazionale di architettura e cultura urbana, con gli altri membri di OCR ha curato la ricerca “Abitare per – Roma, Bari, Venezia”, il "Festival Creature - esperimenti d'arte in laboratori urbani", il "Forum Urbanitas - città sostenibili, resilienti e creative" e "Genius Loci  - festival della scienza, dei suoi luoghi e i suoi protagonisti.  
  • Pippo CiorraSenior Curator MAXXI Architettura
    Nato a Formia nel 1955, laureato presso la facoltà di architettura di Roma-La Sapienza nel 1982. Nel 1991 consegue un dottorato di ricerca presso lo IUAV di Venezia. Dal 1982 al 1995 ha svolto attività didattica presso le facoltà di Venezia e di Roma, dal 1987 è visiting professor presso la Ohio State University e altre università nordamericane. Dal 1995 insegna Progettazone Architettonica alla facoltà scuola di architettura di Ascoli Piceno (SAAD), università di Camerino. È direttore o docente in vari master interuniversitari, è coordinatore del dottorato di ricerca internazionale Villard d’Honnecourt. Ha fatto parte della Commissione Regionale Beni Culturali delle Marche. Oltre a ricoprire la carica di senior curator per il Museo MAXXI è adviser per il Mies van der Rohe Award della fondazione MVDR. Collabora dal 1981 a giornali e riviste generalisti e specialistici e alla radio nazionale. Fa parte del comitato editoriale di Casabella. Ha pubblicato saggi, ricerche sulla città contemporanea e studi monografici.
  • Luca GalofaroArchitetto, è professore associato presso l'Università di Camerino. Tra i fondatori dello studio LGSMA e IaN+, con il quale Ha vinto la Medaglia d’Oro dell’architettura Italiana per l’opera prima (2006) ed è stato tra i finalisti dell’Aga Khan Award del (2013), dello Iakov Chernikhov International Prize 2010. La sua ricerca si concentra sulla relazione fra l’architettura, la teoria e la pratica curatoriale.  Nel 2017 e 2019 è curatore della Biennale di Architettura di Orleans al Frac Centre val de Loire. Nel 2015 è tra i fondatori della piattaforma di ricerca CAMPO. Tra le sue pubblicazioni Artscapes. Art as an approach to contemporary landscape (Editorial Gustavo Gili, Barcellona 2003), An Atlas of Imagination (DAMDI, Seoul, 2015), nos années de solitude (le presses du réel,Dijon 2019)
  • Margherita Guccionearchitetto, è direttore del MAXXI Architettura. Dal 2010, anno dell’apertura del MAXXI, cura la programmazione delle mostre, delle attività scientifiche e degli eventi culturali del Museo di architettura. Ha diretto il Servizio Architettura contemporanea della DG- DARC del MIBAC ed è stata Soprintendente per i beni architettonici, artistici-storici e il paesaggio di Caserta e Benevento.
È autore di numerosi scritti e saggi sull’architettura del Novecento e del XXI secolo, e sul rapporto tra contemporaneità e conservazione.
Tra le principali pubblicazioni curate: Zaha Hadid, opere e progetti, 2002; Documentare il contemporaneo, gli archivi degli architetti 2002; Il ponte e la città, Sergio Musmeci a Potenza, 2003, Alessandro Anselmi, piano superficie progetto, 2004, Giancarlo De Carlo, le ragioni dell’architettura (2005) Archivi e Musei di architettura (2009), Come sarà il museo del futuro? (2012). Tra gli studi monografici: Patrimonio culturale e disastri. L’impatto del sisma sui beni monumentali (1998) Zaha Hadid, l’architettura i protagonisti (2007), Materia grigia, il racconto della costruzione (2010).
  • Marzia MarandolaIngegnere, dottore di ricerca in Ingegneria Edile: Architettura e Costruzione, dal 2011 è ricercatore di Storia dell’Architettura alla facoltà di Architettura, Sapienza Università di Roma. Ha pubblicato numerosi scritti sull’architettura del Novecento, tra essi si ricordano i volumi: M. Marandola, La costruzione in precompresso. Conoscere per recuperare il patrimonio italiano, IlSole24ore, Milano 2009; (in coll. con C. Conforti) Richard Meier, Motta-Il Sole 24ore, Milano 2009; (in coll. con C. Conforti, R. Dulio) Giovanni Michelucci 1891-1990, Electa, Milano 2006. Collabora abitualmente con riviste italiane e internazionali: “Casabella”, “Arketipo”; è nel Comitato di redazione della rivista “Annali delle Arti e degli Archivi. Pittura Scultura Architettura” dell’Accademia Nazionale di San Luca.
  • Franco PuriniArchitetto, è professore emerito dell’Università La Sapienza, Accademico Nazionale di san Luca e dell’Accademia delle Arti del Disegno . Ha ricevuto la Medaglia d’oro di Benemerito dell’Arte e della cultura dalla Presidenza della Repubblica. E’ autore di numerosi libri, tra i quali La città uguale e Comporre l’architettura, e di alcune architetture presentate in molte mostre e pubblicazioni in Italia e all’estero. Anche il suo impegno nell’architettura disegnata è stato documentato in più occasioni, in Italia alla Biennale di Venezia e alla Triennale di Milano. Alcuni suoi disegni sono in varie istituzioni museali.
  • Paolo PortoghesiDa quando, giovanissimo, ha scoperto la sua vocazione di architetto, ha speso il suo tempo a leggere, a viaggiare, a scrivere, a progettare, ad ascoltare musica, a insegnare, con l’obiettivo di dimostrare che aveva ragione Gustav Mahler quando affermava che: “la tradizione è conservare il fuoco, non adorare le ceneri”. A Venezia ha inaugurato nel 1980 la sezione Architettura della Biennale con la “Via Novissima” trasferita poi a Parigi e a San Francisco; dal 1984 al 1993 è stato presidente della Biennale di Venezia. Tra le sue opere di architettura: Moschea e Centro culturale islamico a Roma (1984-95), quartiere Rinascimento nel Parco Talenti a Roma (2001). Ha insegnato Letteratura italiana, Storia dell’Architettura, Composizione Architettonica e Geoarchitettura.
  • Piero Ostilio RossiDocente di Composizione architettonica e urbana alla Sapienza, e stato Direttore del Dipartimento di Architettura e Progetto e Coordinatore del Dottorato in Architettura. Teorie e Progetto Con Laterza ha pubblicato quattro edizioni di Roma. Guida all'architettura moderna (1984, 1991, 2000 e 2012); per Quodlibet ha scritto Per la città di Roma. Mario Ridolfi urbanista 1944-1954 (2013) e ha curato, con Pippo Ciorra e Francesco Garofalo, Roma 20-25. Nuovi cicli di vita della metropoli. Ha pubblicato inoltre i volumi a più voci Roma 1993-2003. Dieci anni di cambiamento (Donzelli, 2003) e Roma. La nuova architettura (Electa, 2006). È stato il coordinatore del gruppo di studio che ha redatto l’Indagine sulla città contemporanea della “Carta per la Qualità” del Piano Regolatore di Roma del 2008.
  • Francesca Romana CastelliArchitetto, ha svolto attività di libera professionista dal 1990, dal 2004 lavora presso il Dipartimento di Architettura e Progetto della Sapienza Università di Roma come Responsabile del QART, il Laboratorio per lo studio di Roma contemporanea. Ha partecipato alla stesura della Carta per la Qualità della città contemporanea nell'ambito del nuovo Piano Regolatore di Roma. Nell’ambito della sua attività di ricerca ha partecipato a studi di carattere storico critico e progettuale, pubblicando saggi sull’architettura di Roma moderna e contemporanea, e alla curatela e organizzazione di diverse mostre e convegni. 
  • Giorgio Ciucci Docente di Storia dell’Architettura all’IUAV di Venezia e all’Università di Roma Tre. Visiting Professor al MIT, Harvard University, Politecnico di Zurigo, Syracuse University-Florence Program. Ha tenuto seminari e conferenze in università europee e americane, organizzato seminari di studio e curato mostre di architettura alla Triennale di Milano e al MART di Trento e Rovereto. Ha scritto o curato volumi su l'architettura e la città di Roma dal XV al XX secolo: La piazza del Popolo (1973); Roma Capitale 1870-1911. Architettura e urbanistica (con V. Fraticelli, 1984); Itinerari per Roma (con V. De Feo. 1985); Roma moderna. 1622-1846 (2002); Roma. La nuova architettura (con F. Ghio e P.O. Rossi, 2006).
  • Roberto Dulioinsegna Storia dell’architettura al Politecnico di Milano. Si occupa della cultura architettonica moderna e contemporanea e dei suoi rapporti con l’arte e la fotografia. Ha curato mostre, pubblicato libri e saggi; è stato redattore della rivista «L’architettura cronache e storia» e collaboratore di altre testate di architettura tra le quali «Casabella» e «Domus». Tra i suoi libri: Aldo Andreani 1887-1971, visioni, costruzioni, immagini, con Mario Lupano, Electa, Milano (2015); Un ritratto mondano. Fotografie di Ghitta Carell, Johan & Levi, Milano (2013); Introduzione a Bruno Zevi, Laterza, Roma-Bari (2008); Giovanni Michelucci 1891-1990, con Claudia Conforti e Marzia Marandola, Electa, Milano (2006).
  • Tullia Iori è professore all'Università di Roma Tor Vergata, dove insegna Storia dell’ingegneria strutturale e Costruzione dell’architettura. Allieva di Sergio Poretti, è impegnata nella ricerca SIXXI (sixxi.eu), finanziata dal Consiglio Europeo della Ricerca. Ha pubblicato libri sulla storia del cemento armato in Italia, su Pier Luigi Nervi (anche co-curando la mostra al MAXXI nel 2010), sulla storia dell’ingegneria strutturale in Italia (serie SIXXI). Ha una passione per i ponti.
  • Gabriele MastrigliArchitetto e critico, vive a Roma e insegna Teoria e Progettazione architettonica all’Università di Camerino. Ha pubblicato tra gli altri la raccolta di saggi di Rem Koolhaas, Junkspace (Quodlibet 2006, Payot 2011) e il volume Superstudio Opere 1966-1978 (Quodlibet 2016). Nel 2008 stato tra i curatori del Padiglione Italiano alla 11. Biennale Architettura di Venezia. Per il museo MAXXI ha curato la mostra Holland-Italy 10 Works of Architecture (2007) e nel 2016 la retrospettiva Superstudio 50, in occasione del cinquant’anni della fondazione del gruppo fiorentino.
  • Francesca Romana StabileProfessore associato di Restauro architettonico presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Roma Tre, dove coordina l’Archivio Urbano Testaccio – AUT. Da anni studia la storia urbana e architettonica di Testaccio, San Saba, Ostiense e Garbatella. È autore di La Garbatella a Roma - Architettura e regionalismo (20192) e ha curato con Elisabetta Pallottino, Paola Porretta e Pietro Ruffo, la mostra GARBATELLA 20/20 - La città e la memoria (21 febbraio 2020).
  • Rosalia VittoriniRosalia Vittorini, architetto, è professore associato di Architettura tecnica presso l’Università di Roma Tor Vergata. Le sue ricerche sono incentrate sull'evoluzione delle tecniche edilizie moderne e contemporanee. In questo ambito ha approfondito lo studio di progettisti e opere del Novecento affrontando anche le tematiche del restauro del moderno. È attualmente impegnata in una ricerca sullo Stadio Flaminio di Nervi finanziata dalla Getty Foundation. È membro di DOCOMOMO Italia che promuove azioni di riconoscimento e valorizzazione del patrimonio architettonico italiano del XX secolo.
  • Elena TinacciArchitetto con master e dottorato in storia dell’architettura presso l’Università Roma Tre, dopo le collaborazioni parigine con la Fondation Le Corbusier e Docomomo International, ha lavorato per importanti istituzioni culturali come l’Enciclopedia Treccani, l’Aerofototeca Nazionale-ICCD e la DARC in seno al MiBAC, e ha svolto attività didattica presso la Facoltà di Architettura di Roma Tre. Dal 2010 lavora stabilmente al MAXXI occupandosi prima di archivi di architettura quindi di ricerca per la valorizzazione delle collezioni del MAXXI Architettura attraverso mostre e pubblicazioni.

Fondazione Inuit

Sede Operativa:  
Via Dell’Archiginnasio snc – Casale 4, 00133 Roma

Sede Legale:
Via Cracovia 50, 00133 Roma

Contatti
+39 062020561-568

Fax:
+06 20434-631

Mail:
organizzazione@fondazioneinuit.it 
fondazioneinuit@legalmail.it

Partita Iva
Partita Iva
Codice fiscale
10503911009
97498440581